Controvoglie

Ho rimboccato - a manciate
il morbido dell’addome
da farne scomparire l’avanzo
sotto al bottone.
Maniglie. Che se mi apri ci trovi
i panni stesi e 
io stessa sono
una tovaglia 
barocca, ai lati
che cade.
Stoviglie. Che ho smesso di urlare
ed è la calma un pregio
che non avevo
che non mi piace. 
Controvoglie. Io e il di fuori
io e
ma 
per ricolmarmi non servono
le cene
i compleanni
i tavoli zattere che galleggiano.


Il di dentro è un paesaggio
che vuole bere 
pioggia.

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Potrebbero piacerti anche